28/nov/2012

Pane al latte di Hokkaido alla crema gianduia e senza glutine: per un mercoledì da foodblogger!



Quante ricette ho scoperto da alcuni bellissimi e utilissimi blog che sono in rete.
Alcune le ho provate, altre sono nella lista dei desideri e altre le sto ancora scoprendo.
Sono tanti i blog nella mio Elenco di lettura di Blogger ma alla fin fine quelli che davvero seguo,
quelli a cui sono affezionata e le cui cuochine conosco personalmente o anche solo tramite schermo,
non sono poi tantissimi perché nella vita virtuale, come in quella reale,
 è sempre l'istinto a dirci di chi fidarci. 
Ecco perché ho deciso che ogni mercoledì (spero) dedicherò un post ad una ricetta
presa dai vostri blog e che mi è particolarmente piaciuta.
Un mercoledì da foodblogger non vuole solo parafrasare un famoso film ma anche
invitare i miei lettori a trascorrere un giorno da un'altro foodblogger!
Intendo inoltre, con questa iniziativa, far conoscere meglio alcuni blog che magari
non seguite ancora; non per pubblicità ma solo perché penso che quel blog meriti di essere
spulciato e apprezzato come anch'io ho avuto la fortuna di fare.
Occhio quindi: il prossimo mercoledì potrebbe essere il vostro!

Cominciamo con la ricetta di oggi?



Non è un caso se comincio questa "rubrica" con il Re dei blog senza glutine: 


Certo, non pretendo di parlarvene per la prima volta, anche perché, se seguite il mio blog
saprete di certo che almeno per il pane ci ispiriamo un po' tutti quanti a Olga e Manu.
Voglio però dedicare due parole a queste ragazze che tanto hanno fatto per la cucina gluten free.
E' grazie ad Olga se, dal 2007 ho riacquistato la voglia di panificare perché il mio "vecchio" pane
senza glutine fatto in casa non era certo così appetibile prima di conoscere i suoi tentativi.
E loro sono brave per davvero eh?
Non è che ci si limiti a scopiazzare ricette in quella cucina intendiamoci; lì si studia, si pesa e sooprattutto si soppesa al millimetro ogni dettaglio e nulla o quasi è lasciato al caso. 
E statene certi che non ci sarà mai una domanda che possa rimanere senza risposta.
Vi sembra poco per rendere affidabile un blog?
Se vi sembra poco allora aggiungo anche questo: io le ho conosciute di persona e le cosa che
più ho apprezzato e ammiro in loro sono l'umiltà e la semplicità con cui si pongono agli altri.
Un bacione ragazze e continuate così!

La ricetta di oggi è strepitosa.
Un pane dolce buonissimo, che si è conservato per 3 giorni e con una veloce scaldata
in microonde ha soddisfatto la colazione di tutta la famiglia.
Dal libro "Ricettario per Celiaci"

Prima di cominciare...
preparare 500 gr di Mix per brioche composto da:
280 g di Farmo
120 g di Pandea
100 g di Agluten per pane

Ingredienti
350 gr di mix per brioche prelevato dai 500 su indicati
100 gr di acqua
100 gr di latte
50 gr di panna fresca (crema di latte)
40 gr di zucchero (io 50)
15 gr di latte in polvere (0-6 mesi perché sia senza glutine)
15 gr di lievito di birra
4 gr di sale
1 uovo
per il ripieno
a piacere crema di nocciole o marmellata
per spennellare
1 uovo
1 cucchiaio di panna


Sciogliere il lievito nell'acqua leggermente intiepidita insieme con lo zucchero.
Intanto preparare le farine e versarle con tutti gli altri ingredienti nell'impastatrice.
Unire il lievito sciolto e impastare con il gancio finché non sarà tutto ben amalgamato.
Spostare in una ciotola, coprirla e lasciar lievitare per circa 1 ora e mezza in luogo tiepido.
Prelevare l'impasto e con le mani infarinate versarlo su una spianatoia anch'essa infarinata.
L'impasto è appiccicoso ma abbiate pazienza perché lo sforzo vale tutto il risultato.
Infarinando la punta delle dita, dividere l'impasto in 4 parti dello stesso peso e formare con 
ciascuna un salsicciotto da stendere poi delicatamente con il mattarello.
Non premete molto sull'impasto ma date dei piccoli colpi con il mattarello, allungando l'impasto
fino a formare una sorta di lingua.
A questo punto spalmateci sopra quello che desiderate (io ho usato la Nutella per i bambini
ma giuro che era davvero buono così!) e arrotolate stretto ogni striscia di pasta.
Foderate uno stampo da plumcake con carta da forno e allineate i quattro rotolini 
coprendo con un canovaccio pulito.
Ponete in forno tiepido (circa 40°) a lievitare ancora per circa 40/50 minuti.
Estraete il tegame dal forno e portate a temperatura di 180° statico.
Sbattete leggermente l'uovo con la panna e spennellate la superficie del pane quindi,
infornate per circa 30 minuti.
Lasciar raffreddare su una gratella e gustarlo tiepido o freddo.
E' buonissimo!!!



31 commenti:

  1. come ne assaggerei volentierissimo una bella fettina!
    bacione grande!

    RispondiElimina
  2. Ottima iniziativa così si possono rileggere alcune ricette che magari erano sfuggite, sei una fucina di idee!

    RispondiElimina
  3. :D!!!! Ma che bello ti è venuto! Brava Annina e soprattutto grazie :)

    RispondiElimina
  4. mammamia!!! bellissima rubrica e pane strepiterrimo! non è che ti è venuto bene...di più!! viene voglia di andare subito a prepararlo....bravissima tesoro!!! baci :-x

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fammi sapere Sonia! Io forse ho esagerato con la Nutella?
      Bacio

      Elimina
  5. Ho visto quel pomeriggio quanto Olga sia attenta e precisa in cucina e sono felicissima di avervi conosciute entrambe...Questo pane deve essere di una golosità unica e sono certa che lo proverò anche io!! Bellissimo questo appuntamento settimanale con le amiche blogger...Un bacione cara!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non aspettare troppo Patrizia...è davvero buono!
      Grazie, anch'io sono stata felice di incontrarti :)

      Elimina
  6. sembra buonerrimo!!!! brava anna (e davvero grazie a olga e manu)...e bella iniziativa del "mercoledì da foodblogger"

    RispondiElimina
  7. soffice e goloso...cosa si puo' volere di piu'?

    RispondiElimina
  8. Ha un aspetto dleizioso!
    Complimenti per l'iniziativa molto interessante e originale.
    Mi sembra un'ottima idea per rafforzare la rete delle foodblogger senza glutine!
    Brava!
    Grazie per queste belle idee che diffondono spirito di gruppo e solidarietá tra noi!
    un caro slauto
    isa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Isa, son contenta che ti piaccia l'idea :)
      A presto!

      Elimina
  9. Mamma mia che goduria! Voglio essere la tua vicina di casa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Magari!!!
      Verrei ogni sera nel tuo fantastico attico con vista a prendermi una tisana e ti porterei volentieri un bel dolcetto :)

      Elimina
  10. Un'idea davvero carina, brava! Ma sai che non conoscevo questa ricetta? grazie, la proverò.
    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene! Son contenta di aver raggiunto il mio scopo. Le ricette che noi stesse facciamo sono così tante che a volte ci sfuggono ed è proprio questo che voglio fare: metterle in giro ;)

      Elimina
  11. ciao cara, piacere io mi chiamo Vanna,e sono felice di essere passata da te! trovo il tuo blog molto interessante e quindi mi sono unita, se ti va di venire da me mi fa molto piacere, a presto! http://ledeliziedivanna.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vanna e grazie di essere qui. Passerò quanto prima :)

      Elimina
  12. Con i lievitati mi tocchi il cuore o ogni volta che vedo le vostre magie gluten free resto incantata :) Posso venire a colazione da te? Un bacione e complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Federica...ne sarei davvero felice :)

      Elimina
  13. Mi piace proprio tanto!!!Lo voglio fareeeeeeeeeeeeee

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E che aspetti? La ricetta con il glutine la trovi ovunque ;)

      Elimina
  14. Mi stra-piace da impazzire la ricetta e l'iniziativa. Bravissima, come sempre.

    RispondiElimina
  15. Ciao sono Simona una neo cely.
    Avrei bisogno di sapere con quale farina posso sostituire la Agluten!
    La Pandea è quella per il pane?
    Dimenticavo... la tua cucina è fantastichevolmente curiosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Simona e grazie per essere passata :)
      La Pandea purtoppo ha nel frattempo cambiato composizione quindi ti consiglio di non prenderla. La Agluten è abbastanza necessaria quindi ti consiglio di procurartela e miscelarla alle altre farine previste aggiungendo magari della Glutafin al posto della Pandea senza sostituirla interamente.
      Mi spiego meglio. Io ci devo ancora provare ma credo che farei per esempio: 280 di Farmo, 160 di Agluten e 60 di glutafin bianca
      Riproverò e ti farò sapere se ci provi prima tu dammi un cenno :)

      Elimina
  16. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina

Ciao! Aspetto il tuo commento...torna a ricontrollare la mia risposta :-)

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...