21/nov/2014

Focaccine alla ricotta di bufala e grano saraceno con lievito madre senza glutine


Voi ce l'avete la focaccia nel DNA?
Io si...e questa è una variante con lievito madre senza glutine
ricotta di bufala e grano saraceno.
Vi ispira?


Ingredienti
120 gr di lievito madre senza glutine
100 gr di Mix per pane Nutrifree
20 gr di Farina di grano saraceno Nutrifree
80 gr di Farina Glutafin
50 gr di Farina Conad
150 ml di acqua
80 gr di ricotta di bufala
1 cucchiaio e mezzo di olio
1 cucchiaino e mezzo di sale
Per farcire
Olive nere
Origano
Pomodorini
olio Evo

Prelevare la quantità di LM previsto e scioglierlo in planetaria con i 150 ml di acqua
Unire le farine poco per volta lavorando con il braccio impastatore.
Una volta assorbita l’acqua unire l’olio, poi la ricotta e infine il sale.
Trasferire in una ciotola leggermente oliata e lasciar lievitare per i tempi del vostro LM.
Riprendere l’impasto e portare il forno alla massima temperatura (di solito 250° funzione statica).
Ungere 4 stampini per focaccia e staccare quattro pezzi di impasto con le mani leggermente oliate.
Disporli nelle teglie senza lavorarli e senza schiacciarli troppo, soltanto adagiandoli a coprire il fondo delle tegliette. Praticare dei buchi con la punta delle dita oliate e disporvi i pomodorini schiacciati, le olive e tanto origano (almeno a me piace sentirne tanto!). Spargere ancora poco olio sulla superficie e infornare a 250° per 10 minuti e a 220° fino a che non saranno dorate e croccanti.
Sono fantastiche calde ma sono altrettanto buone il giorno successivo e quello dopo ancora vista la presenza della ricotta e l’utilizzo del LM.
Ottime anche scaldate e farcite con prosciutto e formaggio


E' venerdì vero?
Ma certo che si!
E allora venite tutti da Gluten Free Travel & Living e partecipate
al 100% Gluten Free (Fri)day con la vostra personalissima ricetta senza glutine
#GFFD


18/nov/2014

Involtini di rombo in lardo di Colonnata con tortino di polenta bianca e aceto balsamico D.O.P.



 Era una vita che non partecipavo a contest o raccolte ma, questo ingrediente speciale,
che Acetaia La Tradizione mi ha regalato in collaborazione con Cucina Semplicemente
proprio non poteva che essere provato.
Questo Aceto Balsamico, invecchiamo di almeno 12 anni,
ha un gusto indescrivibilmente dolce e persistente, che invita al suo utilizzo
in qualunque preparazione, dall'antipasto al dolce.
La mia ispirazione è stata su un piatto unico, come spesso amo fare in cucina.
Ho immaginato l'Aceto Balsamico D.O.P. su un lardo di Colonnata croccante e caldo
che abbraccia un tenero e delicato involtino di rombo, all'interno del quale si nascondono
nuovi sapori che si rincorrono sulle nostre papille.
La scelta della polenta in accompagnamento arriva in quanto elemento gluten free per natura
e, i peperoni rossi e il pistacchio verde ne completano il quadro.
Un piatto adatto a tutti dunque: senza glutine, senza latte e con tanto tanto gusto!

Ingredienti
(per 2 persone)
1 rombo sfilettato (4 filetti)
1 mazzetto di prezzemolo fresco
2 cucchiai di pangrattato senza glutine
1 cucchiaio di pinoli
1 cucchiaio di olio Evo
1 cucchiaio di uvetta
una manciata di sale grosso
12 fettine di lardo di Colonnata

150 gr di farina di mais bianco senza glutine
900 gr di acqua
mezzo cucchiaino di sale
1 cucchiaino di olio Evo

2 peperoni rossi
1 cucchiaio di pistacchio tritato
olio, sale q.b.
Aceto Balsamico Tradizionale di Modena D.O.P

Ammollare l'uvetta in acqua tiepida per circa 15 minuti.
Lavare e tamponare con carta assorbente i filetti di rombo.
Oliarli leggermente e salarli appena.
Tritare il prezzemolo con i pinoli, l'uvetta strizzata, il pangrattato e l'olio.

Spalmare il trito sui filetti di pesce e arrotolarli su se stessi fermandoli con uno stecchino.

Portare a bollore in una pentola munita di cestello per cottura a vapore
500 ml di acqua + un bicchiere di vino bianco e cuocere i filetti a vapore per circa 7 minuti.
Intanto lavare i peperoni e privarli dei semi e tagliarli a piccoli quadratini.
Scaldare nel wok due cucchiai di olio Evo e versare i peperoni saltandoli per 15 minuti.
Salare, pepare e mettere da parte senza lavare il wok.
Preparare la polenta portando a bollore l'acqua con il sale e l'olio e
versando a pioggia la farina mescolando con una frusta per i primi minuti.
Continuare la cottura mescolando con un cucchiaio di legno per il tempo
indicato sulla confezione (circa 40 minuti).
Una volta pronta, versarla in un coppapasta unto di olio per formare un tortino.
Intanto, rimuovere gli stuzzicadenti dagli involtini e arrotolare ciascun involtino
in 3 fettine di lardo passandoli velocemente nel wok dove avevamo cotto i peperoni.

Versare peperoni sul tortino di polenta e spolverare con il pistacchio.
Disporre gli involtini nel piatto e completare con Aceto Balsamico Tradizionale di Modena D.O.P.



Con questa ricetta partecipo al contest



14/nov/2014

Insalata di grano saraceno con calamari e mazzancolle senza glutine!


Compro cereali alternativi e poi me li dimentico in dispensa e li faccio scadere.
Preparatevi, perché arriveranno una vagonata di ricette ed esperimenti
con grano saraceno, miglio, amaranto, quinoa e quant'altro.
Questa insalata di mare è davvero deliziosa, leggera e nutriente.
Provatela e fatemi sapere ;)

Ingredienti
(per 4 persone)
150 gr di grano saraceno (io Nutrifree)
4 calamari
15 mazzancolle
2 carote
Mezzo bicchiere di vino bianco
350 ml di brodo vegetale (o acqua + dado)
2 cucchiai di olive nere o verdi
10 pomodorini ciliegino
Un mazzetto di prezzemolo fresco
Olio Evo, sale e aceto balsamico consentito

Sciacquare il grano e metterlo a scolare in uno scolapasta.

Pelare le carote, affettarle a rondelle e cuocerle in acqua bollente salata per 5 minuti dal bollore.
Tirarle su senza buttare l’acqua e metterle da parte.
Pulire  le mazzancolle privandole del guscio, della testa e del filo intestinale e dopo averle sciacquate, cuocerle nella stessa acqua delle carote per 3 minuti dal bollore.
Tirarle su senza buttare l’acqua e metterle da parte.
Sciacquare i calamari, staccarne i tentacoli e tagliare ad anelli i molluschi.
Cuocere tutte le parti dei calamari nella stessa acqua delle mazzancolle per 7 minuti dal bollore.
Scolarli e unirli alle carote e alle mazzancolle mescolando con 2 cucchiai di olio extravergine.
Scaldare una pentola dal fondo doppio e tostare il grano mescolando con un cucchiaio di legno.
Sfumare con il vino e poi aggiungere il brodo freddo.
Cuocere fino a completo assorbimento del liquido.
Unire il grano al pesce e mescolare con una forchetta.
Aggiungere le olive tagliate a rondelle e il prezzemolo.  Condire con altro olio Evo, regolare di sale e spruzzare di buon aceto balsamico solo al momento di servire.
Si conserva bene per un paio di giorni in frigorifero.

Questa ricetta partecipa al Gluten Free (Fri)day





13/nov/2014

Cestini di frolla ai lamponi e crema di formaggio senza glutine



Questo per me si chiama Comfort Food!
Ognuno ha il suo, ma ciò che di dolce mi conforta davvero 
è la croccante e scioglievole consistenza di una pasta frolla.
Versatile e dalle mille sfaccettature, una frolla assume i contorni dei nostri
pensieri, dei desideri del momento e questi cestini sono il frutto di una
domenica in compagnia di freschissimi lamponi rossi
da far sposare con il bianco candido di una soffice crema di formaggio.
Senza zucchero ma con miele e buon sciroppo d'acero

La ricetta l'ho postata per voi su Dolci.it




11/nov/2014

Itinerari gluten free: un giro in Ciociaria ad Alatri senza glutine!


Itinerari d'autunno, passeggiate nei boschi e visite a borghi antichi.
Tutto questo ci offre la nostra bellissima Italia e noi andiamo in giro
a cercare spunti per il tempo libero e nuovi locali e ristoranti dove consumare
in tutta tranquillità un ristoratore pasto senza glutine.

Venite a leggere il mio articolo su Gluten Free Travel & Living
cliccate qui e...buon viaggio!




07/nov/2014

Rusticotti alla pizzaiola con Lievito Madre senza glutine©


Non si sa come nascano certe ispirazioni.
Semplicemente ti svegli la mattina, hai voglia di un pane diverso, sfizioso, 
profumato morbido e croccante allo stesso tempo, 
che ti ricordi della bella stagione quando comincia a far freddo, 
che richiami i profumi e i colori del nostro bel paese (era ‘na volta!!!)
 …e cominci ad impastare il tuo capolavoro!
Del resto lo diceva anche il buon Vasco
 “Le mie canzoni nascono da sole, vengono fuori già con le parole”
 Non resta che dargli un nome: Rusticotti alla pizzaiola!

Ingredienti
120 gr di lievito madre senza glutine
200 ml di acqua appena tiepida
180 gr di Farina Nutrifree per Pane
60 gr di Farina Glutafin
40 gr di Farina Conad
20 gr di Farina di grano saraceno Nutrifree
2 cucchiai di olio
1 cucchiaino di sale fino
2 cucchiai di concentrato di pomodoro
1 cucchiaino di origano
3 cucchiai di olive taggiasche denocciolate

Nella ciotola del Kenwood sciogliete il LM con metà dell’acqua prevista.
Nella restante acqua sciogliete invece il concentrato di pomodoro.
Aggiungete nella ciotola le farine, un cucchiaio per volta lavorando a bassa velocità.
Unite quindi la restante acqua, l’olio, l’origano e il sale.
Lavorate a velocità 1/2 per circa 15 minuti.
Trasferite in una ciotola coperta e lasciate lievitare per il tempo che necessita il vostro lievito madre.
Dovrà essere ben gonfio...

Riprendete l’impasto, trasferitelo su un piano leggermente infarinato con farina di Mais finissima e
farina bianca e unitevi le olive intere lavorando l’impasto fino ad incorporarle completamente.

Formate ora un salsicciotto allungandolo delicatamente con le mani

 Con una spatola tagliate ora dei pezzetti della larghezza di due dita
 (un po’ come si fa con i cantucci). 
Lasciate lievitare coperti da un telo di cotone, per circa un’ora.

Contemporaneamente, fate scaldare la pietra refrattaria sotto il grill a 250° per circa 45 minuti.
Portate il forno sulla funzione statica a 250°, spostate la griglia con la pietra rovente sul secondo gradino del forno (partendo dal basso) e posizionatevi i rusticotti con una pala.
Cuocete per 10 minuti e poi abbassate la temperatura a 200° cuocendo ancora per 20 minuti.


Questo profumato pane io lo porto al Gluten Free (Fri)day!




04/nov/2014

Plumcake al cioccolato senza glutine


Un dolce imperdibile, profumato, goloso, morbido e irresistibile.
E senza glutine!!!
Non perdetevi la ricetta per le vostre cioccolatose merende e colazioni




29/ott/2014

Vellutata di daikon e zucca allo zenzero fresco


Abbiamo avuto un vero assaggio di inverno nei giorni scorsi e mi è subito sembrato il caso di scaldare il momento della cena con una bella zuppa.
Certo, a casa mia bisogna frullare tutto e così la zuppa è diventata una vellutata per evitare ad occhi indiscreti di notare dettagli e particolari "sgraditi" ;)
Non è frequente trovare il Daikon, questa gigantesca radice proveniente dal Giappone (ma i miei sono tirati su in Alto Adige!) che ha virtu diuretiche e drenanti per il fegato e pare sia un ottimo bruciagrassi!
Se a questo aggiungiamo anche lo zenzero fresco, anch'esso ricco di proprietà benefiche per l'attività gastrointestinale...capirete con facilità che l'abbinamento con il pane fritto non mi ha creato alcun senso di colpa!!!

E allora veniamo alla ricetta

Ingredienti
(per 4 persone)
600 gr di zucca (già pulita)
350 gr di patate (già pulite)
180 gr di daikon
1 porro
1 cm. di radice di zenzero fresco
3 cucchiai di olio Evo
350 ml di brodo vegetale bollente
sale q.b.
4 fette di pancarré senza glutine

Sbucciare e pelare tutte le verdure e tagliarle a cubetti.
In una casseruola soffriggere il porro tagliato a rondelle con l'olio.
Aggiungere gradualmente le patate, la zucca e il daikon e rosolare per 5 minuti.
Aggiungere il brodo, coprire e cuocere per circa 30 minuti.
Controllare che tutte le verdure siano morbide e aggiustare di sale.
In un padellino, friggere in olio d'oliva il pane tagliato a pezzetti e salarlo.
Frullare la zuppa con un frullatore ad immersione, grattugiare lo zenzero fresco 
e aggiungerlo alla vellutata. 
Completare con un filo d'olio a crudo e del prezzemolo fresco tritato.
Immergervi i crostini di pane e...buon appetito!



24/ott/2014

Calamari ripieni di riso e prosciutto per il 100% Gluten Free (Fri)day!


Oggi vi propongo una ricetta spagnola con ingredienti semplici e gustosi.
Un piatto unico completo di proteine e carboidrati che combina le proprietà
dei calamari a quelle del riso e nasce in maniera naturale senza glutine.
La ricetta l'ho presa dall'Enciclopedia della Cucina ma ho apportato alcune
modifiche, come ad esempio la precottura del riso.
A voi la mia versione

Ingredienti
(per 2 persone)
600 gr di calamari
50 gr di prosciutto cotto consentito oppure crudo
1 uovo
2 cucchiai di farina senza glutine
70 gr di riso a chicco lungo (io Long&Wild)
200 gr di pomodori pelati
2 cucchiai di uva sultanina
1 mazzetto di prezzemolo fresco
2 spicchi d'aglio
2 cipolle
250 ml di vino bianco secco
paprica dolce consentita
olio Evo, sale e pepe

Mettere in ammollo l'uvetta con dell'acqua tiepida.
Cuocere il riso in acqua bollente salata per il tempo indicato sulla confezione
meno due minuti. Scolare e raffreddare velocemente sotto il getto d'acqua.
Pulire i calamari eliminando la pinna interna.
Staccare i tentacoli e le pinne laterali, tagliuzzarli e tenerli da parte.
Svuotare le sacche lavarle all'interno e metterle a scolare.
In una casseruola versare 2 cucchiai di olio e rosolare uno spicchio d'aglio 
e una cipolla affettata, unire il pomodoro e lasciar cuocere 
a fuoco moderato per 15 minuti.
Salare e pepare.
In una padella antiaderente con due cucchiai di olio, rosolate la restante
cipolla tritata e l'ultimo spicchio d'aglio. 
Unite quindi i tentacoli e il prosciutto tritato e saltare per qualche minuto.

Togliete dal fuoco, scolate l'acqua formatasi e trasferite in una ciotola.
Lasciate intiepidire prima di unire il riso, l'uovo, l'uvetta strizzata, la paprika e il prezzemolo tritato.
Mescolare tutto il ripieno e farcire i calamari chiudendo la parte superiore
con uno stecchino di legno.
Asciugarli con carta assorbente e infarinarli.
Nella stessa padella dove si è preparato il ripieno, versare 2 cucchiai di olio
e soffriggere i calamari rigirandoli spesso.
Quando saranno ben dorati, versarvi sopra la salsa di pomodoro preparata,
unire il vino e cuocere a fuoco moderato per circa 30 minuti.
Servirli tagliati ad anelli cospargendo con altro prezzemolo tritato.


Con questa ricetta partecipo al 100% Gluten Free (Fri)day!



22/ott/2014

Torta di mele senza glutine con soli albumi


Quante volte ci capita di avanzare albumi e non saper che farne?
A me tantissime volte e l'ultima volta mi era successo dopo
aver preparato i meravigliosi Pasticciotti Leccesi.
Tra frolla e crema pasticcera, gli albumi andati direttamente in freezer erano tanti
e così mi son messa alla ricerca di qualcosa di diverso dal solito.
Sono incappata in questa comodissima Torta di mele
e l'ho provata subito: ottima!

La ricetta l'ho postata per voi su Dolci.it

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...