23 lug 2013

La luce sugli oceani



Eh si, in estate si riesce a leggere molto di più.
Anche questo libro l'ho preso in prestito in biblioteca perché ero incuriosita dalle critiche positive lette.
Solo che leggere le critiche è un conto, leggere il libro è un altro.
Non saprei dire esattamente cos'è che non funziona in questa storia, ma sinceramente,
tutto questo clamore non lo comprendo.
Si d'accordo,  è scritto bene, la storia è credibile e possibile, l'ambientazione è suggestiva
(l'Australia e il mare giocano un ruolo non indifferente sul mio immaginario)
eppure...
manca di qualcosa!
Intanto la figura del protagonista Tom, è laconica, troppo seria e a tratti pesante con i suoi
rimorsi di coscienza da dopoguerra e di contro la figura di Isabel e esageratamente leggera dall'inizio alla fine.
Tutto il resto ci sta, ma ci sta senza colpi di scena né momenti appassionanti.
E poi, di mio, non capisco mai l'accanimento oltre ogni limite verso la maternità ad ogni costo.
Insomma l'avrete capito, non comprate questo libro ma se volete leggerlo fatevelo prestare ;)


LA TRAMA
Isabel ama la luce del faro tra gli oceani, che rischiara le notti. E adora le mattine radiose, con l'alba che spunta prima lì che altrove, quasi quel faro fosse il centro del mondo. Per questo ogni giorno scende verso la scogliera e si concede un momento per perdersi con lo sguardo tra il blu, nel punto in cui i due oceani, quello australe e quello indiano, si stendono come un tappeto senza confini. Lì, sull'isola remota e aspra abitata solo da lei e suo marito Tom, il guardiano del faro, Isabel non ha mai avuto paura. Si è abituata ai lunghi silenzi e al rumore assordante del mare. Ma questa mattina un grido sottile come un volo di gabbiani rompe d'improvviso la quiete dell'alba. Quel grido, destinato a cambiare per sempre la loro vita, è il tenue vagito di una bambina, ritrovata a bordo di una barca naufragata sugli scogli, insieme al cadavere di uno sconosciuto. Per Isabel la bambina senza nome è il regalo più grande che l'oceano le abbia mai fatto. È la figlia che ha sempre voluto. E sarà sua. Nessuno lo verrà a sapere, basterà solo infrangere una piccola regola. Basterà che Tom non segnali il naufragio alle autorità, così nessuno verrà mai a cercarla. Decidono di chiamarla Lucy. Ben presto quella creatura vivace e sempre bisognosa d'attenzione diventa la luce della loro vita. Ma ogni luce crea delle ombre. E quell'ombra nasconde un segreto pesante come un macigno, più indomabile di qualunque corrente e tempesta Tom abbia mai dovuto illuminare con la luce del suo faro.

6 commenti:

  1. grazie tesoro! io non riesco a leggere come vorrei nemmeno in estate, e dire che prima i libri li divoravo..sarà l'apatia! uffa, ma grazie per i consigli, baciiii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prego!
      Sai che un ottimo metodo per scuotersi dall'apatia è proprio leggere?
      :)

      Elimina
  2. Purtroppo pare che ultimamente siano pompati libri deludenti mentre si trovano chicche sconosciute di cui non sentiremo mai parlare, questa è la fortuna nel frequentare le biblioteche, senza spendere soldi si può osare in un prestito...

    RispondiElimina
  3. ach... l'ho comprato prima di leggere la tua recensione... no comment...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alessandra non disperare!
      Ognuno di noi può avere la sua opinione e poi non è proprio una recensione totalmente totalmente negativa ;)
      Fammi sapere e non partire prevenuta!!!

      Elimina

Ciao! Aspetto il tuo commento...torna a ricontrollare la mia risposta :-)

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...