17 feb 2015

L'imprevedibile viaggio di Harold Fry


Ho comprato questo libro di getto, mentre uscivo da una libreria dopo aver già pagato i miei acquisti. L'ho visto lì, mi ha colpito il titolo, la copertina, la trama...ed è stato mio!
L'intuizione dell'autrice è ottima: molto bello il modo in cui Harold decide di partire per questo viaggio, senza programmarlo, senza portare nulla con sé e considerando, nel prosieguo del viaggio, ogni bene in realtà superfluo. 
La prima parte del libro scorre con piacere poiché ci fa in effetti riflettere su quanto a volte vacua possa essere la nostra esistenza e su quanto sarebbe bello rallentare i ritmi per godersi ogni minuto in questo bellissimo mondo.
Poi però la storia si perde un po' e a mio avviso va fuori dai binari; diventa ripetitiva e priva di interesse quando ci si accorge che il protagonista non riesce in realtà a prendere alcuna posizione verso la nuova piega che stanno prendendo gli eventi.
La fine della storia è in decisa ripresa e spiega molti aspetti oscuri trovati lungo lo scorrere della storia ma, pur riscattando i protagonisti,  non è capace di riprendere il ritmo iniziale, quello che ci aveva fatto iniziare la lettura di questo libro con un sorriso sulle labbra. 

LA TRAMA
Quando viene a sapere che una sua vecchia amica sta morendo in un paesino ai confini con la Scozia, Harold Fry, tranquillo pensionato inglese, esce di casa per spedirle una lettera. E invece, arrivato alla prima buca, spinto da un impulso improvviso, comincia a camminare. Forse perché ha con la sua amica un antico debito di riconoscenza, forse perché ultimamente la vita non è stata gentile con lui e con sua moglie Maureen, Harold cammina e cammina, incurante della stanchezza e delle scarpe troppo leggere. Ha deciso: finché lui camminerà, la sua amica continuerà a vivere. Inizia così per Harold un imprevedibile viaggio dal sud al nord dell'Inghilterra, ma anche dentro se stesso: mille chilometri di cammino e di incontri con tante persone, che Harold illuminerà con la sua saggezza e la forza del suo ottimismo. Harold Fry è - a suo modo - un eroe inconsapevole, proprio come Forrest Gump: un uomo speciale capace di insegnarci a credere che tutto è possibile, se lo vogliamo davvero.

2 commenti:

  1. Anche a me era piaciuto molto! Lo lessi in una notte o quasi. Credo di averlo comperato appena uscito in Italia e ne ho parlato anche nel blog. Da consigliare davvero.
    PS: io leggo quasi sempre, ma commento quando posso <3

    RispondiElimina

Ciao! Aspetto il tuo commento...torna a ricontrollare la mia risposta :-)

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...