11 dic 2015

Canederli di speck in brodo senza glutine



Sono già passati più di tre mesi dalle bellissime vacanze estive 
in Trentino e  Alto Adige e, oltre ai ricordi conservati ermeticamente nel cuore
amo fermare le sensazioni e le emozioni nei mie scatti...






Ovviamente per perpetuare la vacanza e spalmarla su tutto l'anno
mi son portata dietro ricordi gastronomici come ogni anno e 
questo piccolo ricettario è una fonte di ispirazione meravigliosa.
Presto arriveranno i dolcetti ma intanto ho voluto provare i canederli di speck
in brodo che consiglio vivamente per un pranzo invernale che scalda davvero il cuore!


Ingredienti per circa 12 canederli
200 gr di pane raffermo senza glutine
1 bicchiere di latte tiepido
100 gr di speck senza glutine
50 gr di salsiccia senza glutine
1 uovo
1/2 cipolla
1 ciuffo di prezzemolo
5 o 6 cucchiai di farina senza glutine (io Mix it!)
sale e pepe
erba cipollina
grana padano grattugiato
brodo di carne

Preparare il brodo di carne (o di pollo) e lasciar cuocere.
Intanto ridurre in briciole il pane (io ho tritato nel Bimby) e 
coprire con il latte mescolando di tanto in tanto per lasciar
ammollare il pane (serviranno dai 30 ai 60 minuti)
In una padella rosolare lo speck con una noce di burro
 (eh si, ci sta tutto!!!) fino a renderlo trasparente e unire la cipolla
affettata finemente facendola appassire.
Versare il soffritto sul pane ammollato; unire anche la salsiccia spellata
e sbriciolata e poi l'uovo leggermente sbattuto.
Mescolare e aggiustare di sale e pepe profumando con una grattugiata 
di noce moscata e con il prezzemolo tritato.
Unire la farina poco per volta fino a quando non otterremo un composto
lavorabile con le mani, morbido ma compatto.
Formare i canederli lavorandoli bene e rendendoli perfettamente lisci
per evitare che si sfaldino in cottura.


Portare a bollore il brodo e cuocere i canederli per circa 15 minuti
Servirli caldi completando con il grana e l'erba cipollina 

Ricetta per il Gluten Free (Fri)day


Se cercate altri deliziosi canederli, vi segnalo questo mio vecchio post con i "Canederli schiacciati"

6 commenti:

  1. Bellissime foto; mi sono commossa perché il ricordo di belle giornate passate in Trentino con cari anici e affiorato prepotente mentre le ammiravo. Un grazie di cuore per tutto ciò.
    Buoni i canedegli, che pane usi per queste preparazioni? Il mio timore è che diventi pappetta. Di solito oltre a quello che preparo io, uso le fette della Scher del mastro panettiere.
    Ti ringrazio.Ciao
    Tra monti, mari e gravine

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stefania che belle emozioni. ..grazie! Io ho usato un pane fatto in casa con lievito madre. La ricetta base che trovi anche qui nel blog. Un bacione

      Elimina
  2. Io che sono trentina ho una grande passione per i canerdeli e mi fai pensare che da quando sono celiaca non li ho più mangiati. bisogna che rimedi subitissimo! sono indecisa se fare la tua ricetta o quella di mia nonna (che poi non è mica diversa...)
    Bravissima anna lisa, e splendide foto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gaietta mia :)
      Poi dammi anche la tua di ricetta ;)

      Elimina
  3. ehhhh mi hai fatto tornare nell'amato Trentino pure a me con questo post!

    RispondiElimina

Ciao! Aspetto il tuo commento...torna a ricontrollare la mia risposta :-)

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...